E’ partito la scorsa settimana il progetto ‘volontari migranti’ a San Giovanni Valdarno, Un progetto che vede coinvolti al momento sei ragazzi e su cui Amministrazione Comunale e RTI 100fiori hanno creduto ed investito molto.
Gabriele Mecheri è intervenuto a nome di 100fiori, il raggruppamento temporaneo d’imprese formato nel marzo 2015 da Consorzio Isola che non c’è, Arci, Consorzio Comars, Oxfam Italia Intercultura e Associazione Pronto Donna onlus. “Ci occupiamo dell’accoglienza e della registrazione degli ospiti, gestiamo gli appartamenti assicurando i servizi di pulizia e igiene ambientale, ci preoccupiamo dei pasti e della fornitura dei beni essenziali alla vita di ogni giorno. Dedichiamo particolare attenzione alla salute degli ospiti, garantendo l’assistenza infermieristica e quindi la somministrazione di farmaci prescritti dal medico”. 100fiori garantisce ulteriori servizi ai rifugiati: mediazione linguistica e culturale e attività di informazione sulla normativa per l’immigrazione e sui diritti doveri e condizione dello straniero; servizio di orientamento al territorio, informazione ed assistenza nei rapporti con la Questura per l’inserimento nel sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (assistenza legale); insegnamento della lingua Italiana; sostegno socio -psicologico; attività ricreative e di integrazione con il territorio. “Per noi – ha concluso Mecheri – è fondamentale contribuire a sviluppare una cultura dell’accoglienza e quindi dell’integrazione. In questo contesto vanno inserite le attività volontarie di un primo gruppo di rifugiati, destinato ad incrementarsi, che s’impegnano nella piccola manutenzione. E per questo ringrazio il Comune di San Giovanni, l’assessora Romei e il Sindaco Viligiardi, per aver reso possibile questa collaborazione”. “Sono molto orgogliosa di presentare questo progetto che vede protagonisti sei giovani ragazzi che sono arrivati nella nostra città solo da qualche mese, ma che grazie all’aiuto del mondo della cooperazione e dell’associazionismo, stanno entrando a far parte attiva della vita sangiovannese. I ragazzi – prosegue l’Assessore – sono stati accolti molto bene in città e stanno portando avanti con impegno il progetto di volontariato proposto loro”. – Ha concluso la vice sindaco della città di Masaccio, Sandra Romei. “Un progetto che prosegue il lavoro promosso dall’assessorato verso la manutenzione e il decoro urbano di San Giovanni. Mi preme quindi ringraziare i volontari con l’auspicio che anche attraverso la loro opera possano sentirsi parte integrante della città”.
Ha dichiarato l’Assessore David Corsi.

Fonte: Comune di San Giovanni Valdarno – Ufficio Stampa