Notizie

Workshop per giornalisti europei su migranti e rifugiati. Iscrizioni entro il 24 luglio

Raccontare le migrazioni, scoprendo le buone e le cattive pratiche dei media, sono tra gli obiettivi del corso organizzato dal Media diversity institute nel progetto Media against hate speech in partenza a Londra a settembre. Continua a leggere… _______________________________________________________________________________________ L’immagine in evidenza è di www.media-diversity.org

Generi alimentari e non denaro: confronto tra rifugiati e vertici delle cooperative Koinè e Betadue

Stamani un gruppi di rifugiati, ospiti nelle strutture di accoglienza gestite dalle cooperative sociali Koinè e Betadue, si è presentato nella sede di via Duccio da Buoninsegna ed ha avuto un confronto non solo con gli operatori addetti all’accoglienza ma anche con i Presidenti delle due cooperative e con il Direttore di Koinè. Il tema è stato quello degli ultimi giorni: non generi alimentari ma denaro. I rappresentanti delle cooperative

Giornata mondiale del rifugiato

In occasione della Giornata mondiale del rifugiato domani alle ore 21 si terrà presso Piazza Sant’Agostino, ad Arezzo, la Festa della Musica. Dopo il saluto della Vicepresidente della Provincia Eleonora Ducci, ci saranno danza e balli di Ananta Tribe & The Gipsy Sisterhood e lo spettacolo di Oma for Refugees, un concerto dell’Orchestra Multietnica Aretina con la presentazione del Laboratorio musicale prodotto con i Rifugiati e Richiedenti asilo del territorio. Inoltre,

“MIGRANTI La sfida dell’incontro”: mostra dal 6 al 10 giugno alla Casa delle Culture

Il Centro culturale di Arezzo ha organizzato la mostra “Migranti, la sfida dell’incontro” presso il Teatro della Casa delle Culture in Piazza Amintore Fanfani dal 6 al 10 giugno. La mostra (realizzata in occasione della manifestazione “Meeting per l’amicizia tra i popoli” di Rimini nel 2016) è un focus interessante sul tema dei migranti. L’installazione della mostra prevede la collaborazione di Comars e l’adesione della Diocesi di Arezzo-Casentino-Sansepolcro, dal raggruppamento

Migranti, l’accoglienza che funziona con il modello 100fiori

Dare una risposta alla domanda di prima accoglienza di cittadini stranieri che richiedono protezione internazionale nel territorio della provincia di Arezzo. È questo l’obiettivo che si prefigge il Raggruppamento temporaneo d’imprese 100fiori. Una realtà nata nel marzo del 2015 e, ad oggi, formata da Consorzio Isola che non c’è, Arci, Consorzio Comars, Oxfam Italia Intercultura, Associazione Pronto Donna onlus e La Tappa. Comincia dunque il viaggio di Un paese per tutti alla

Solìm: incontri ravvicinati tra rifugiati e studenti

In 14 classi della provincia di Arezzo. Sintesi in arte e teatro. Performance al Karemaski l’11 aprile e il giorno successivo, per le scuole, al teatro Mecenate Solìm vuol dire amore nella lingua kotokoli, originaria del Togo centro settentrionale. Una parola che ha dato origine al progetto “Buongiorno Solìm”,  promossa dal Centro proposte educative Unicoop Firenze in collaborazione con il Liceo Pier della Francesca di Arezzo e 100fiori. E che

Rifugiato trova un cellulare, rintraccia la proprietaria e lo riconsegna

Il messaggio di ringraziamento della donna “Ciao, sono la proprietaria del telefonino che tu hai trovato. Volevo ringraziarti per la tua gentilezza.  Mi dispiace di non averti conosciuto ma quando sono venuta in Piazza Guido Monaco tu avevi già consegnato il telefono al mio amico il quale me lo ha subito portato a casa. Sei stato veramente eccezionale. Grazie“. Questo è il messaggio che una cittadina ha inviato a Siaka

Il centro d’accoglienza è casa: rifugiati si trasformano in imbianchini

Okhagbe, Issahak, Num, Dei, Raymon e Sallah: sono rifugiati. Sono stati costretti ad abbandonare i loro paesi: Nigeria, Ghana e Gambia. Adesso vivono a San Giovanni Valdarno, in un centro di accoglienza gestito della cooperativa sociale Koinè all’interno del raggruppamento 100fiori. Un appartamento che aveva bisogno di una tinteggiatura. Il lavoro non l’hanno chiesto, l’hanno fatto. Con la collaborazione di un operatore della  cooperativa hanno indossato la tuta e acquistato