Un giorno del 1988 arrivò in Italia un uomo mite, la pelle d’ebano e le tasche piene di sogni. Veniva dal Senegal, non aveva nemmeno trent’anni e si chiamava Alì. Cercava un futuro dignitoso per i suoi figli e una vita migliore di quella passata a immaginarla.

Continua a leggere…